Non riceve alcun finanziamento pubblico
stampAcritica
G I O R N A L I S M O    I N D I P E n D E N T E
 
La Cassazione riconosce anche lo “Straining”: Mobbing attenuato 
Cass. 3 luglio 2013, n. 28603, VI Sezione Penale)
Accade sempre più frequentemente che nel luogo di lavoro si verifichino situazioni relazionali o organizzative non corrette e foriere di fenomeni disfunzionali.
dal numero 16/2013
LEGGIRubriche/Voci/2013/9/5_La_Cassazione_riconosce_anche_lo_Straining__Mobbing_attenuato.html

stampacritica.it

LA VOCE DEGLI ULTIMI

numero 16/2014


Registrazione Tribunale di Roma

n°9/2011 del 20 gennaio


Direttore Responsabile

Claudio Caldarelli


Direttore Editoriale

Eligio Scatolini


Coordinatrice di Redazione

Patrizia Vindigni


note legali

prossima uscita 16 Settembre 2014

VITA
Tutte le parole che ti ho scritto sin qui rimandano, in fondo, alla stessa parola: VITA. Del resto è proprio della Vita – del suo senso e del suo valore - che sentivo, improrogabile, il desiderio di parlarti, Amoremiovitamia. Con quale obiettivo? Beh, intatto di aiutarti a costruirtene una che funzioni anche meglio della mia: una vita ‘tutta tua’, impedendoti di offrirti la tentazione di fare come me: come potresti ? Amoremovitamia, ciascuno di noi è chiamato al compito, all’onore e alla gioia di realizzare la propria esistenza: dai genitori - così come dagli amici e dalle persone che ci ameranno nel corso di una vita - possono venire solo pochi esempi e qualche consiglio.
Luca De RisiRubriche/Voci/2014/8/31_VITA.html
Raccoltaraccolta_langolo_del_libro_3.html
Unì idea
Einaudi
Unì idea
Einaudi

A noir, E blanc, I rouge, U vert, O bleu: voyelles,

Arthur Rimbaud

Via Labicana 114, a due passi dal Colosseo, il nuovo Punto Einaudi di Roma, tel. 06/6875043.
Orari: lunedì 15/20, da martedì a domenica 10/20.

Unisciti a noi.. 

hai una vita sola per difendere i tuoi diritti
per adesioni e/o comunicazioni
comitato@telejato.it

L’ANGOLO GIURIDICO
Raccoltaraccolta_angolo_giuridico_3.html

EDITORIALE

Buen camino!
A chi ha potuto tradire.
A chi ha saputo amare.
Le croci fiorite di gigli, rosse sulle casule bianche dei concelebranti, non le avevo viste mai.
"Tutti coloro che desiderano ricevere la benedizione di San Giacomo abbassino il capo."
Daniela BaronciniAttualita/Voci/2014/8/31_Buen_camino%21.html

Un cristiano dona di nascosto

Claudio Caldarelli - Eligio Scatolini


E’ passata l’estate con il rito delle secchiate e dei gavettoni. Qualcuno l’ha fatto seriamente, qualcuno un pò meno, ma quasi tutti i potenti o Vip che dir si voglia, si sono assoggettati al rito di stampo militaresco. Anche il premier Renzi, a modo suo, si è messo sotto i riflettori e sotto il secchio per raccogliere fondi per la Sla.

Prendere un secchio d’acqua sulla testa in piena estate è piacevole, meno piacevole è essere ammalati di Sla e non avere le cure adeguate per mancanza di fondi. I fondi normalmente li sborsa il governo, che invece di tagliare sull’assistenza ai malati e ai loro familiari, aumenta i contributi. Prendere un secchio d’acqua sulla testa, come il nostro premier Renzi e non donare, è grave, ma ancor di più non fare un provvedimento che aiuti in modo sostanziale chi è colpito dalla malattia è ancora più grave.

 ....Continua

La SATIRA IN PILLOLE di

Marco Camillieri


Renzi si rovescia un secchio di acqua gelata come promesso.
E' il primo premier a compiere un simile gesto: mantenere una promessa


CERCA NEL SITOIFRAME.html
PRIMO PIANOPrimo_Piano/Primo_Piano.htmlPrimo_Piano/Primo_Piano.htmlshapeimage_13_link_0
L’ANGOLO DEL LIBRO
100 PAROLE A MIA FIGLIA
Era il 25 agosto del 1989 quando uccisero Jerry Essan Masslo nel corso di una rapina nelle campagne di Villa Literno. Jerry era fuggito dal Sudafrica. Era fuggito dalla segregazione razziale, dall'apartheid, era fuggito per sperare di vivere in un paese che avrebbe compreso il suo sorriso dai denti bianchi. Non è stato compreso Jerry, anzi è stato ucciso. Barbaramente ucciso.
Difendeva il suo salario da fame. Difendeva quel poco che i "caporali" , cioè gli schiavisti, gli lasciavano dopo una settimana di duro lavoro nei campi a raccogliere pomodori sotto il sole cocente. 
di Claudio Caldarelli e Eligio ScatoliniPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_JERRY_MASLO__WHY.html






La filiera dello sfruttamento

Dei 700 mila lavoratori operanti nel settore agroalimentare italiano, circa 400 mila sono vittime dello sfruttamento intensivo del lavoro e coinvolti nel fenomeno del caporalato. Invisibili che vivono in baracche a centinaia, spesso senza un tetto sulla testa, senza un letto, senza acqua. L’ottanta percento di loro è di origine straniera, i più vengono dall’Africa, ma non mancano romeni, bulgari, polacchi. Lontano dagli occhi indiscreti dei centri abitati, si riversano ogni anno nelle campagne arrivando dai loro paesi di provenienza o spostandosi da regione a regione inseguendo i flussi stagionali di produzione e lavorazione del prodotto agricolo. 
Simone CerulliPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_La_filiera_dello_sfruttamento.html
Braccianti clandestini: la regolarizzazione impossibile

Inseguono un sogno, trovano sacrificio e sfruttamento

Una soluzione che ancora non trova  risposte adeguate è relativa ai braccianti stagionali nel mezzogiorno. Una questione spinosa, insistente che compare con forza ogni anno, lasciando attonite le varie associazioni di volontariato, le istituzioni locali inermi e aumentando notevolmente il fenomeno della schiavitù, e in alcuni casi un vero feudalesimo, forse peggiore di quello medioevale, gravato da un’ignoranza intollerabile all’interno della società contemporanea.
Daniele AltinaPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_Braccianti_clandestini__la_regolarizzazione_impossibile.html
Coi fanti e coi Santi 

Al rientro delle vacanze un amico mi mostra orgoglioso una fotografia scattata ad un bar della spiaggia. Lui sorride beato di fianco ad un volto noto della televisione. Per raccontarmi la sua settimana ferragostana al mare inizia così, dall'incontro con la celebrità storicamente documentato. Come se un po' di fama fosse rimasta addosso anche a lui, per contatto, e la sua vacanza ne avesse in qualche modo guadagnato.

Daniela BaronciniAttualita/Voci/2014/8/31_Coi_fanti_e_coi_Santi.html
Piccolo schiavo
Le scarpe ai miei piedi
Il bambino è piccolino, chino sul suo banchetto, con mani piccine, indurite dai calli, formati sulle dita e sul palmo, mentre silenzioso e senza sorriso lavora per terminare quelle scarpe, che sono tante, che gli giacciono accanto. Lavora, lavora, lavora.
Patrizia VindigniPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_Piccolo_schiavo.html
Petrolio, oppio e euro
Confortato dal parere di illustri analisti, come Luca Ricolfi, dell'Università di Torino, sono convinto anch'io che per spiegare ciò che sta accadendo all'economia del nostro Paese, la parola 'crisi' non abbia più alcun senso. É 'declino' il termine più appropriato. Un lungo e inesorabile declino cominciato da noi anche prima del fatidico 2008, ma che investe ormai le economie di tutti i paesi dell'Eurozona, Germania compresa.
Luca De RisiAttualita/Voci/2014/8/31_Petrolio,_oppio_e_euro.html
Le riforme prossime venture
Ci sono tre riforme prossime venture, ne prende atto l’eretico,  nell’agenda del governo Renzi. Quelle del lavoro, della scuola e della giustizia. 
Come capita spesso nelle affermazioni dell’ex sindaco di Firenze, si tratterebbe al momento più di enunciati e di linee guida che non di decisioni operative. Il condizionale è d’obbligo, osserva l’eretico, perché al momento non si conoscono testi scritti, nè risultano consultate le  categorie dei diretti interessati.
L’ereticoAttualita/Voci/2014/8/31_Le_riforme_prossime_venture.html
Trafficanti di braccia. La tratta dei nuovi schiavi

Un esercito in nero

In Italia esiste un mondo parallelo in cui si consuma lo sfruttamento di esseri umani.

Vivono nel degrado, nei casolari senza acqua corrente e senza servizi igienici, ammassati a terra come pezzi di un puzzle umano.
Susi CiolellaPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_Trafficanti_di_braccia._La_tratta_dei_nuovi_schiavi.html

Chi sbaglia paga?

Con la goliardia di sempre e il solito immarciscente ottimismo - nonostante il paese sia ufficialmente in deflazione - nel corso della conferenza stampa seguita al Consiglio dei Ministri del 29 settembre, il premier Matteo Renzi ha spiegato che con la nuova riforma della Giustizia è stata modificata una norma importante sulla responsabilità civile dei magistrati. "Chi sbaglia, paga", ha spiegato visibilmente compiaciuto. 
Luca De RisiAttualita/Voci/2014/8/31_Chi_sbaglia_paga.html

Video tratto dal canale Youtube di

a cura dell’avvocato

Antonella Virgilio

avv.avirgilio@stampacritica.it


                         ODRADEK

La Libreria a impatto sostenibile
dove i libri amano i lettori                         

                 Via dei Banchi Vecchi, 57 - 00186 Roma tel. 06-6833451 


odradek@tiscali.it


a tutti i lettori/lettrici di stampa critica uno sconto sui libri del 10%

 
Niente di vero tranne gli occhi

Un romanzo di Giorgio Faletti
Il thriller di Giorgio Faletti, Niente di vero tranne gli occhi, esce nel 2004 e segue al primo grande successo dell’autore, scomparso di recente, “Io uccido”. Nel romanzo si intrecciano le vite di Jordan Marsalis e di Maureen Martini, entrambi commissari ( Jordan è di New York mentre Maureen è di origine itailana), con un’altra figura centrale, Lysa, di grandissimo fascino, i cui occhi si disegnano nella nostra fantasia di lettori, con la loro particolare luce.
Patrizia VindigniRubriche/Voci/2014/8/31_Niente_di_vero_tranne_gli_occhi.html
Ice Bucket Challenge

Gelide promesse sotto il soffio caldo dell’estate
Il tormentone estivo di quest'anno consiste nel farsi fotografare mentre ci si tira un secchio d'acqua gelata e poi sfidare qualcun altro a fare altrettanto, meglio se VIP.

Marco CamillieriAttualita/Voci/2014/8/31_Ice_Bucket_Challenge.html
Numero precedente13_2014.html
FIRMA LA PETIZIONEhttp://www.riparteilfuturo.it/don-ciotti-la-lotta-alla-corruzione-in-cima-allagenda-del-semestre-europeo-a-guida-italiana/
Morte nera…

Il ritorno del Medioevo, nel Terzo Millennio.
672 morti e almeno 1.200 contagiati.
Non si ferma l'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale. Liberia, Guinea e Sierra Leone. Il bilancio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità è provvisorio, ma lo stato di allerta è altissimo. E non solo per la popolazione...
Sara Di PaoloAttualita/Voci/2014/8/31_Morte_nera.html
Volto dell’uomo, volto di Dio
Convegno sulla figura di Michelangelo Buonarroti a Frosolone

Sabato 9 agosto 2014, presso l’ Eremo di Sant’Egidio di Frosolone , è avvenuto un convegno organizzato dal gruppo “Fede e Arte” con il titolo “Volto dell’uomo, volto di Dio”,in cui si è celebrato il 450° anniversario dalla morte di Michelangelo.

Daniele AltinaAttualita/Voci/2014/8/31_Volto_delluomo,_volto_di_Dio.html
latitanti della camorra nella rete della Giustizia
Tdg contro la Camorra spa
Ma non è finita …
Un altro pezzo da novanta nella rete della giustizia , un cognome pesante della camorra, quella dell’aerea Torrese, un’aerea dove da decenni il territorio e’ ostaggio di intere fazioni criminali, intere famiglie che si passano da padre in figlio, da nonno a nipote, il testimone di boss.
Gennaro Ciliberto
Testimone di GiustiziaPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_I_latitanti_della_camorra_nella_rete_della_Giustizia.html
La creatività che ha fatto, fa e farà notizia…

Le mille sfumature, dell’asso dell’arte popolare.
Esistono casi insoliti, in cui un uomo diviene più giusto definirlo "artista" (oltre che "persona"). Capita raramente...
Quando capita però, quel confine tra "umano" e "geniale"; si assottiglia significativamente. Si trasforma in un’unica fusione. Una sola essenza...
Sara Di PaoloArte_Cultura_e_Cinema/Voci/2014/8/31_La_creativita_che_ha_fatto,_fa_e_fara_notizia.html
Festival del cinema di Venezia: tanti i film stranieri

Il Festival del Cinema di Venezia in queste prime giornate, ci ha dato la possibilità di gustare una succosa varietà di soggetti , moltissimi i film stranieri in concorso, che lasceranno un segno in questa mostra. Lo" zoom" di oggi però, va ad approfondire la rappresentanza del cinema italiano con i suoi tre film in gara, a cominciare dall'opera di Francesco Munzi " Anime Nere", un racconto realistico, che entra nella vita di una famiglia appartenente ad una cosca, in particolare della meno nota, ma non per questo meno importante, ndrangheta calabrese.

Andrea SantoccoArte_Cultura_e_Cinema/Voci/2014/8/31_Festival_del_cinema_di_Venezia__tanti_i_film_stranieri.html
ARTE E CULTURA e CINEMAArte_Cultura_e_Cinema/Arte_Cultura_e_Cinema.html
RUBRICHERubriche/Rubriche.htmlRubriche/Rubriche.htmlshapeimage_51_link_0
ATTUALITA’Attualita/Attualita.html
Raccoltacento_parole_a_mia_figlia_3.html
I crimini di guerra e le radici di un comune pensiero di civiltà

La giurisdizione internazionale ha definito i termini di un inaccettabile reato contro l’umanità, chiamato “crimini di guerra”, che sono quelli consumati nei confronti delle popolazioni civili. Chi se ne macchia, pur nel corso di furiosi eventi bellici, è chiamato a risponderne davanti a un Alta Corte Internazionale. Ciò è avvenuto a carico dei massimi dirigenti politici e militari serbi, a proposito della guerra dell’ex Iugoslavia, per quei feroci massacri che passarono sotto il nome di “pulizia etnica”.

Riccardo TavaniAttualita/Voci/2014/8/31_I_crimini_di_guerra_e_le_radici_di_un_comune_pensiero_di_civilta.html

JERRY MASLO: WHY?

Video documentario vincitore premio Jerry Masslo 2012

La vita di un testimone ieri, oggi e domani, forse …..!
Testimone di Giustizia contro la camorra Spa
Invisibili 
Ormai tutto è rimasto nel passato e  tutto resta un  semplice ricordo . Indelebile nella tua mente  quando ormai hai preso  la consapevolezza che mai  pìù potrai rientrare nella tua terra.
Il ricordo di  sentirsi chiamare per nome da un amico che troppo velocemente ti ha dimenticato o volontariamente ti ha voluto dimenticare
Gennaro Ciliberto
Testimone di GiustiziaPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_La_vita_di_un_testimone_ieri,_oggi_e_domani,_forse_..%21.html
Ho scelto da che parte stare
Lettera di un testimone di Giustizia
"Cosa sarà mai il  restare fermi a fissare quel soffitto, quella stanza anonima.....nel silenzio assoluto.	
Cosa sarà mai restare la notte insonne pensando al quel  passato... 
Cosa sarà mai non sapere , se un domani ci sarà …	
Qualcuno direbbe , sussurrando  è  questa la vita , ma che vita.... è quella non vissuta! 	
Che vita è...!
Gennaro Ciliberto
Testimone di GiustiziaPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_Ho_scelto_da_che_parte_stare.html

Festa della CGIL di Latina - interverrà Vincenzo Liarda Responsabile dipartimento legalità CGIL Latina

Il cammino di Salvatore Borsellino
Salvatore Borsellino, il fratello di Paolo, il giudice assassinato dalla mafia e dalla trattativa, insieme alla sua scorta in via D’Amelio, sta arrivando a Roma. Il fondatore del movimento Agende Rosse, dal giorno della strage, è impegnato alla ricerca della verità sui fatti drammatici che hanno segnato l’Italia nel periodo stragista. Obiettivo è trovare l’Agenda Rossa che Paolo portava sempre con se e non lasciava mai.
Claudio CaldarelliPrimo_Piano/Voci/2014/8/31_Il_cammino_di_Salvatore_Borsellino.html
Schierarsi con …
Gianluca Maria Calì – incendio ad Altavilla Milicia
Nella vita accade che conosci le vicende, non facili, di persone prese di mira dalla mafia (o dalla camorra o dalla ‘ndrangheta) e nel cuore e nella mente non può non passare il pensiero: “Cosa avremmo fatto al posto loro?”
Patrizia VindigniAttualita/Voci/2014/8/31_Schierarsi_con.html
Il Patto del Nazareno

Il patto del Nazareno è la continuazione del vecchio compromesso storico moroteo-berlingueriano con nuovi mezzi e sotto mutate condizioni. Non è davvero importante se sia stato realmente stilato e firmato da Renzi e Berlusconi, o nasconda una sua parte segreta. Il fatto è che esso è nelle cose. La classe politica italiana, dopo averle tentate tutte, torna a questo nodo come a qualcosa di atavico e non più eludibile.  
Riccardo TavaniAttualita/Voci/2014/8/31_Il_Patto_del_Nazareno.html
Giovani e lavoro
Storia di un disoccupato in Italia
Molti dicono che i giovani non hanno voglia di lavorare  perché li  ritengono non disposti al sacrificio e che il loro primo pensiero siano i soldi. - “Quanto mi date  al mese?” - Ma non sono tutti  cosi. La colpa non è loro  ma di una società sbagliata che sottovaluta il loro impegno, i loro studi, le loro forze fresche da utilizzare, non investe in loro ma  punta da sempre ad assumere solo ed esclusivamente attraverso  raccomandazioni e spesso i soggetti raccomandati  ricoprono  incarichi sbagliati.
Colasuonno RobertoAttualita/Voci/2014/8/31_Giovani_e_lavoro.html
Il neo compromesso storico e il declino della democrazia

C’è stato sì un cambio scena epocale e nessuno dei personaggi è più lo stesso, ma il nocciolo drammatico è sempre lo stesso. Si chiama compromesso storico. Ieri Moro e Berlinguer, oggi Renzi e Berlusconi; le dimensioni stesse delle figure storiche, delle cronache politiche, dei conflitti sociali stridono, eppure la necessità di un accordo al vertice del potere si ripresenta intatta, sotto l’incalzare di una dimensione inquietante su una scala geopolitica ed economica molto più vasta.

Riccardo TavaniAttualita/Voci/2014/8/31_Il_neo_compromesso_storico_e_il_declino_della_democrazia.html
Nessuno tocchi Nardò

Nel 2011 a Nardò, circa 400 braccianti di origine africana, fecero il primo sciopero autorganizzato in Italia di lavoratori stranieri contro lo sfruttamento basato sul caporalato.

Oggi a Nardò si continua dormire tra gli ulivi, stesi sulla nuda terra o su materassi sudici.
Oggi a Nardò si continua a sperare una vita degna di essere vissuta.

Susi CiolellaRubriche/Voci/2014/8/31_VITA.html
POESIA SOCIALE
Numero precedente15_2014.html